EDITORIALE UOMO

Abbey Road? Fate attenzione alle strisce: 



E non mancate di concentrarvi a pieno su un bell’abito gessato

Abbey Road rappresenta per associazione di diritto un tutt’uno con il gruppo dei Beatles che l’hanno vestita di un significato divenuto oramai iconico da quando, proprio cinquant’anni fa, era infatti il 1969, la scelgono come ambientazione della copertina del loro undicesimo album. Non sfuggirà ai ben informati, amanti del viaggio e della buona musica, che proprio vicino a quelle strisce risiedono infatti i celebri studi di registrazione eretti nel 1931 e ancora oggi in funzione.

Stile georgiano quindi, ma non solo: Londra è anche regina di quello stile british preso come riferimento quando si pensa ai banchieri vittoriani degli anni ’30 resi eleganti e inconfondibili dal loro chalkstripe che, tramite i diversi spessori delle righe tracciate sul tessuto, identificava le provenienze dalle differenti istituzioni bancarie.

L’ABITO GESSATO DAVIDE CENCI REINTERPRETA LA TRADIZIONE INGLESE E IL CLASSICO FUMO DI LONDRA.

L’abito gessato è il primo must maschile di stagione con cui Davide Cenci si ritaglia il ruolo di consulente di stile reinterpretando la tradizione inglese e il classico fumo di Londra. Così la flanella antracite si alleggerisce di peso, donandogli una vestibilità più confortevole che rispetta la figura istituzionale dell’english banker e dell’uomo d’affari, seppur attualizzandole. L’estetica risulta essere in egual modo sofisticata, a rispolverare quella parte produttiva aderente alla vecchia nobiltà e all’alta borghesia anglosassone (e italiana) ma non manca un ricordo personale: quello legato al fondatore del marchio, il Commendatore Davide Cenci, solito anch’egli nell’indossare lo stesso modello seppur con pesi più importanti.

Protagonista della cultura sartoriale, il gessato è reso ancora più attuale dall’abbinamento con la camicia a righe in jersey di cotone elasticizzato a cui si sovrappone la cravatta in reps di seta regimental. La formalità della camicia a righe si fonde così con il piacere di indossare un filato che perfettamente si adatta al corpo e ai suoi movimenti. Così il secolo scorso si fonde con il nostro dentro una macchina del tempo in cui Davide Cenci, nella costante ricerca di un continuum con la classicità, riesce a omaggiare l’origine d’oltremanica senza accantonare il fondamentale lustro del Made in Italy.

ABITO GESSATO DUE BOTTONI IN LANA E CAMICIA A RIGHE IN JERSEY DI COTONE ELASTICIZZATO DAL 1926. CRAVATTA IN REPS DI SETA REGIMENTAL HOLLIDAY & BROWN.

Shop the look